Ivano

Prima di diventare birraio sono stato consulente informatico e prima ancora biologo, ma dopo circa sette anni in giro per l’Italia, il richiamo delle mie origini e della mia passione è stato così forte da farmi prendere la migliore decisone della mia vita: tornare a Lagnasco. Qui ho lavorato e portato avanti l’azienda agricola di famiglia che mio padre fino ad allora aveva gestito e la tranquillità di un lavoro stagionale mi ha permesso soprattutto di rientrare in contatto con le mie passioni.

Ho ricominciato a produrre birra come avevo più volte fatto dopo la laurea, lo facevo all’inizio per gioco, per mettermi alla prova, ma quando ho iniziato a capire che migliorando la tecnica poteva nascere qualcosa di concreto, ho deciso che quello sarebbe stato il mio lavoro.

Era il 2009 e producevo birra artigianale, la imbottigliavo, disegnavo io stesso le etichette ed ero sempre io che cercavo clienti: il Birrificio della Granda prendeva forma. Cercavo di arrangiarmi come potevo! Ho anche aperto un piccolo pub vicino a casa in cui potevo vendere le mie birre e creare il giro economico che mi consentiva di continuare.

Ricordo però che è stata una serata del 2012 a cambiare tutto, uno di quei momenti in cui o molli o azzardi: dopo dodici ore di lavoro in birrificio avevo iniziato il turno dietro il bancone della birreria senza sedermi un attimo, ero sfinito e mi sono addormentato seduto in cucina.

Mi sono svegliato che erano circa le due di notte, ho deciso  allora che non potevo più fare tutto da solo, era tempo di rischiare e di ingrandire il mio progetto. Ho deciso così di cercare gente con la mia stessa passione e motivazione che potesse aiutarmi, ed è cosi che il Birrificio della Granda è nato ufficialmente!

Scegli una delle seguenti opzioni

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza utente e per studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.

Accetto

Come il polverone che hanno alzato loro, che dobbiamo diradare.
Come il polverone che vogliamo alzare noi, per svegliare gli assopiti.

Vi hanno gettato fumo negli occhi, e avete bevuto birre che credevate artigianali.
Ma in verità sono tutte uguali.

È il momento di dire “basta!”, tutti insieme.
È il momento di non essere più una nicchia autoreferenziale.

La birra artigianale è di tutti, è per tutti, ed è dannatamente buona.
Tutti insieme: produttori e appassionati, divulghiamo e semplifichiamo.
Condividiamo questo bendidio! Diventiamo movimento!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

PER ESSERE TRA I PRIMI A SAPERE COSA STIAMO PREPARANDO PER IL 2020!

Privacy Policy

THE BIRRIFICIO
ARTIGIANALE OF CUNEO